Nella Marne, a prendere lo champagne


Nella Marne, a prendere lo champagne

myluxury.it champagne

Spesso mi capita di sentire alcuni che si fanno un giretto in Francia, nel territorio viticolo a nord est di Parigi, per farsi la scorta di champagne.

Tanto, dal nostro confine passando dal traforo del Freijus e da Lione, ci si mette circa 6 ore in auto.

Ho pensato di scrivere questo breve post per avvertire, chi pensa che tali “scampagnate” siano esenti da particolari vincoli burocratici magari confortato dall’uso personale del vino che periodicamente carica sull’auto e sul furgone, che invece potrebbe crearsi un problemino di infrazione alla disciplina fiscale sulle accise.

Mi riprometto di scrivere prossimamente qualcosa di più sull’argomento: anche per dirvi la mia sulla preventiva dichiarazione prevista dall’art. 8 del D.Lgs 504/1995 e dall’art. 8 del D.M. 210/1996.

Ma intanto voglio ricordare che, ai sensi dell’art. 11 del testo unico sulle accise approvato con il D.Lgs 504/1995 (e quindi in recepimento della Direttiva comunitaria 92/12 poi sostituita dalla Direttiva 2008/118/CE del Consiglio del 16 dicembre 2008), l’accisa viene pagata solo all’erario francese, al momento dell’acquisto, incorporata nel corrispettivo pattuito col “Vigneron” (anche se è meglio dire:  dovrebbe essere incorporata per poi essere pagata dal venditore ).

Il vino spumante è però considerato acquistato per uso proprio alla condizione che venga trasportato da privati, entro la massima quantità di 60 (sessanta) litri.

Se allo champagne si aggiungono delle bottiglie di vino “fermo”, i litri da non superare diventano 90 (novanta), di cui 60 litri al massimo di spumante.

E’ vero che in Italia l’accisa è di zero euro, sia per il vino tranquillo che per lo spumante, ma in Francia, anche se molto bassa se paragonata agli oltre 656 euro ad ettolitro dell’Irlanda, qualcosa si paga e, per la precisione, ammonta ad euro 8,53 per ettolitro di sparkling wine (spumante) e ad euro 3,45 per ettolitro di still wine (tranquillo), con I.V.A. al 19,60 %.

Il “problemino burocratico” non può essere superato argomentando che tanto, da noi in Italia, l’accisa sul vino è ancora a zero euro e dunque non vi può essere evasione d’imposta: visto che superando tali massime quantità, la norma recepita da tutti i Paesi comunitari fa scattare l’asticina della presunzione legale assoluta di acquisto ai fini commerciali (contro la quale non è ammessa prova contraria).

Ti potrebbero interessare i seguenti post:
18/12/2010      Vado in Germania e mi compro la birra
13/01/2010      Il commercio elettronico di vini e liquori, anche no.
14/12/2009      Alcolici senza DAA
26/10/2009     Esportare prodotti soggetti ad accisa
26/10/2009     Spedire Vino per conto
26/10/2009     Furto di prodotti in sospensione di accisa

Share

Annunci

7 thoughts on “Nella Marne, a prendere lo champagne

  1. Articolo interessante, ma c’è qualcosa che mi sfugge. Per chiarirmi (aldilà di ogni considerazione sulla convenienza o meno dell’operazione), se vado in Francia in macchina, acquisto 59 litri di champagne per consumo personale e me li porto a casa, sono in regola al 100% o no?
    grazie 🙂

    Mi piace

    • Esatto al 100% 😀 Infatti sono TRE le CONDIZIONI e dunque le prove richieste affinché l’accisa sia applicata SOLTANTO nello Stato membro in cui i prodotti sottoposti ad accisa sono acquistati: STATUS COMMERCIALE DELL’ACQUIRENTE, DESTINAZIONE PER PROPRIO CONSUMO e IL TRASPORTO TIPICO.

      La PRIMA e la SECONDA condizione sono assolte se le QUANTITA’ acquistate non superano i limiti stabiliti (e pertanto sarà sufficiente poterne dimostrare, con qualsivoglia scontrino o ricevuta, il luogo, la data, la natura e la quantità dell’acquisto).

      La terza condizione è assolta se i prodotti sono al seguito del viaggiatore-acquirente, trasportati tipicamente (sarebbe atipico ad esempio il trasporto di carburanti in posti diversi dai serbatoi permanentemente installati dal costruttore su veicoli dello stesso tipo: ad accezione di un consentito bidone di scorta di capacità non superiore a 10 litri).

      Direttiva 2008/118/CE – CAPO V – CIRCOLAZIONE E TASSAZIONE DEI PRODOTTI SOTTOPOSTI AD ACCISA DOPO L’IMMISSIONE IN CONSUMO – SEZIONE 1 – Acquisto da parte di privati
      Articolo 32. Paragrafo 2. Per determinare se i prodotti sottoposti ad accisa siano destinati all’uso personale di un privato, gli Stati membri tengono segnatamente conto dei seguenti elementi:
      a) status commerciale del detentore dei prodotti sottoposti ad accisa e ragioni per le quali li detiene;
      b) luogo in cui i prodotti sottoposti ad accisa si trovano o, se del caso, modo di trasporto utilizzato;
      c) qualsiasi documento relativo ai prodotti sottoposti ad accisa;
      d) natura dei prodotti sottoposti ad accisa;
      e) quantità dei prodotti sottoposti ad accisa.
      Paragrafo 3. Per l’applicazione del paragrafo 2, lettera e), gli Stati membri possono stabilire, esclusivamente come elemento di prova, livelli indicativi. Questi ultimi non possono essere inferiori a:
      a) prodotti a base di tabacco:
      — sigarette: 800 pezzi,
      — sigaretti (sigari di peso non superiore a 3 g/pezzo): 400 pezzi,
      — sigari: 200 pezzi,
      — tabacco da fumo: 1,0 kg;
      b) bevande alcoliche:
      — bevande spiritose: 10 l,
      — prodotti intermedi: 20 l,
      — vino: 90 l (di cui 60 l, al massimo, di vino spumante),
      — birra: 110 l.

      D.Lgs 504/1995 (Testo Unico Accise) Art. 11 – Prodotti assoggettati ad accisa ed immessi in consumo in altro Stato membro e acquistati da privati
      Comma 1. Per i prodotti assoggettati ad accisa ed immessi in consumo in altro Stato membro, acquistati da privati per proprio uso e da loro trasportati, l’accisa è dovuta nello Stato membro in cui i prodotti vengono acquistati.
      Comma 2. Si considerano acquistati per uso proprio i prodotti acquistati e trasportati da privati entro i seguenti quantitativi:
      a) bevande spiritose, 10 litri;
      b) prodotti alcolici intermedi, 20 litri;
      c) vino, 90 litri, di cui 60 litri, al massimo, di vino spumante;
      d) birra, 110 litri.
      Comma 3. I prodotti acquistati e trasportati in quantità superiore ai limiti stabiliti nel comma 2 si considerano acquistati per fini commerciali e per gli stessi devono essere osservate le disposizioni di cui all’art. 10.

      Grazie per il commento 🙂
      Paolo Silvestro D’Antone – Reggio Emilia

      Mi piace

  2. i miei sinceri complimenti per la chiarezza su temi di difficile interpretazione. Un ultimo dubbio: a) se un privato (diciamo dalla Finlandia) per consumo personale si fa spedire 59 litri di vino come viene considerato? b) se una ditta nazionale regala (e perciò paga con regolare fattura) 59 litri di vino da spedire ad un suo cliente privato in un altro stato membro? Grazie ancora per l’eventuale risposta.

    Mi piace

    • Grazie per i complimenti. Da due mesi sono assente dal lavoro (e difatti non riesco nemmeno a tenere aggiornato questo blog) e mi sono perso l’eventuale prassi diramata dall’Agenzia delle dogane in merito alle ultime modifiche normative apportate dal decreto legislativo 29 marzo 2010, n.48 (che recepisce la direttiva 2008/118/CE).
      Ritengo però che, tali novità al testo unico delle accise, abbiano sostanzialmente lasciata immutata la disciplina fiscale sottesa ai miei precedenti post: Nella Marne, a prendere lo champagne e Il commercio elettronico di vini e liquori, anche no.
      E pertanto le rispondo che:
      a) anche se per una sola bottiglia di vino, il privato finlandese che non è abilitato a corrispondere l’accisa al proprio erario, potrà ricevere il prodotto esclusivamente per il tramite di un “rappresentante fiscale” autorizzato dal fisco finlandese che, per conto dello speditore autorizzato da un altro Stato membro, provvederà dunque alle previste incombenze tributarie;
      b) nemmeno una singola bottiglia di vino può lasciare il nostro territorio nazionale se lo speditore non è accreditato presso l’Ufficio delle dogane italiano competente sul luogo dove è detenuto il vino.
      La ringrazio per il commento
      Paolo Silvestro D’Antone – Reggio Emilia

      Mi piace

  3. —Domanda inviata: venerdì 17 settembre 2010 15.12

    buongiorno, avrei bisogno un’informazione:
    un amico ha una piccola cantina in spagna (per piccola intendo produzione totale 10000 bott) e vorrebbe inviare in italia un bancale di vino (circa 600 bott) per venderlo ad alcuni ristoratori e amici.
    Quale sarebbe il miglior modo di procedere?
    Ho pensato di trovare un trasportatore che si faccia carico dell’accisa (molti trasportatori hanno l’accisa per sbrigare queste pratiche) e di farlo spedire a me , che fungerei da magazzino.
    E’ possibile o bisogna adempiere a degli obblighi aggiuntivi?
    Se è possibile fare in questo modo: la forma più corretta è fare un DDT (essendo una cantina che produce poco è esente da DAA) intestato alla cantina stessa ma con destinazione presso mio magazzino? (premetto che il mio magazzino non è un magazzino liquori o altro)
    Grazie mille – Caterina

    —risposta inviata: lunedì 20 settembre 2010 19.13
    Oggetto: Piccoli produttori di vino

    Gent.ma Sig.ra Caterina

    La deroga dagli obblighi connessi alla circolazione e al controllo, prevista per i cosiddetti “piccoli produttori di vino” dalla normativa comunitaria dell’accisa sul vino, non esonera lo speditore dall’assolvimento degli obblighi prescritti dal regolamento (CE) n. 436/2009 della Commissione del 26 maggio 2009, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea n. L 128 del 27 maggio 2009. Oltre, beninteso, all’osservanza della disciplina fiscale inerente all’IVA intracomunitaria.

    La ringrazio per aver visitato il mio blog
    Cordiali saluti – Paolo Silvestro D’Antone

    Mi piace

  4. ————-Il giorno mercoledì 29-02-2012 @ 13:17, Alessandra ha scritto:
    Premetto che non sono pratica di blog e non so se sto agendo correttamente, ma ci provo. Sono arrivato al suo blog ricercando informazioni sulla modalità di acquisto di vino dalla Francia.

    Conosco dei soci di una società che spesso per lavoro si recano in Francia, sarebbe loro intenzione al ritorno fermarsi c/o una cantina di loro conoscenza ed acquistare del vino, ad ogni viaggio loro acquisterebbero vino per 70 litri, poi tutte le forniture le farebbero fatturare alla società di cui sono titolari, società che non ha a che fare con gli alcolici, penso poi il vino acquistato venga poi dato come omaggio ai clienti vari.

    Leggendo però mi sembra di aver capito che questo non sarebbe del tutto regolare, come dovrebbero agire affinché tale operazione sia in regola.

    E cosa dovrebbe fare la cantina vinicola ?

    Il vino in Francia è soggetta ad accisa e mi sembra di aver capito che il venditore la applichi già ne prezzo di vendita per bottiglia, in Italia per il vino non è prevista invece alcuna accisa.
    L’operazione si regolarizza solo tramite emissione di fattura comunitaria poi riepilogata in Intrastat oppure tale operazione non si può effettuare se non per il tramite di un terzo soggetto?

    Ringrazio in anticipo per l’eventuale presa in visione della mia richiesta. Saluti.

    ————-Il giorno lunedì 05 marzo 2012 @ 18:51, Paolo ha scritto:
    Gent.ma Sig.ra Alessandra

    Secondo me la fatturazione all’impresa rende irregolare la cessione del vino che così sarà soggetto alla nostra accisa (anche se di zero euro) e alla nostra I.V.A. (riepilogata in INTRASTAT) perché non più acquistato da privati per proprio uso.

    La procedura corretta dovrebbe essere quella dell’art. 8, comma 2,del testo unico sulle accise approvato con D.Lgs 504/1995 come sostituito dall’art. 1, comma 1 del D.Lgs. 29 marzo 2010, n. 48, in vigore dal 1° aprile 2010.

    Per il destinatario registrato che intende ricevere soltanto occasionalmente prodotti soggetti ad accisa, l’autorizzazione di cui al medesimo comma 1 è valida per un unico movimento e per una quantità prestabilita di prodotti, provenienti da un unico soggetto speditore.
    In tale ipotesi copia della predetta autorizzazione, riportante gli estremi della garanzia prestata, deve scortare i prodotti unitamente alla copia stampata del documento di accompagnamento elettronico o di qualsiasi altro documento commerciale che indichi il codice unico di riferimento amministrativo di cui all’art. 6, comma 5.

    Insomma, prima di poter effettuare l’acquisto intracomunitario, l’azienda cessionaria deve farsi autorizzare dall’Ufficio delle Dogane competente per territorio sul luogo dove arriverà il vino e spedire l’autorizzazione alla cantina francese cedente che solo così potrà emettere il DAA telematico la cui stampa cartacea scorterà il vino insieme alla copia dell’autorizzazione rilasciata dall’ufficio doganale italiano.

    Mi autorizza ad inserire questa mail sul mio blog?
    Saluti e grazie per la visita
    Paolo Silvestro D’Antone – Reggio Emilia
    https://paolosdantone.wordpress.com/

    ————-Il giorno martedì 6 marzo 2012 @ 11.18, Alessandra ha scritto:
    Certamente può inserirla sul blog.
    La ringrazio per la riposta e auguro buon lavoro.

    Mi piace

  5. Articolo molto interessante e completo, complimenti. Mi resta solo un dubbio riguardo al “IL TRASPORTO TIPICO”; ovvero può considerarsi tale una comitiva di 10 persone che torna con 900 litri di vino (600 champagne e 300 fermo)? Grazie ancora.
    Per “cattiveria” mi chiedo: come privato cosa mi vieterebbe di di effettuare una operazione di vendita commerciale occasionale e vendere un mio bene personale (le mie bottiglie di champagne) ad un terzo emettendo una ricevuta con codice fiscale e dichiarandone il relativo utile nel quadro redditi diversi del modello unico?
    Grazie in anticipo per la sua opiione.
    Gianni

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...