Impiegare gli alcoli metilico, propilico ed isopropilico


Truce © Dave Nitsche 1xcomPer poter impiegare gli alcoli metilico, propilico ed isopropilico

Le fornisco di seguito le richieste informazioni con la speranza che possano esserle utili ed esaustive e, per ogni ulteriore chiarimento, la invito a non esitare nel contattare l’Ufficio delle dogane.

Le anticipo che per poter acquistare il prodotto, dovrà esibire al fornitore la copia della denuncia di impiego che le restituiremo registrata dall’ufficio delle dogane.

LA DENUNCIA

Esclusi i privati consumatori e le aziende che utilizzano alcole metilico per i soli processi di saldatura, per poter utilizzare alcool isopropilico, metilico o propilico, anche in quantità minime, occorre denunciare tale necessità all’Ufficio delle dogane territorialmente competente sul luogo dove i citati alcoli verranno impiegati (cfr. art.5 del decreto Ministro delle finanze 1 agosto 1986 – G.U. n. 180 del 05/8/1986 – richiamato dall’art.22 del decreto Ministro delle finanze 27 marzo 2001, n.153 – G.U. n. 97 del 27/4/2001 supplemento ordinario).

La denuncia deve essere presentata in duplice esemplare e deve essere corredata da uno schema planimetrico del sito, anch’esso in due esemplari, con evidenziati, anche in legenda:

  • le vie di accesso pubbliche e private allo stabile e i locali di cui questo si compone;
  • gli eventuali serbatoi di stoccaggio con le annesse linee di collegamento;
  • l’esatto luogo di deposito degli alcoli;
  • le caratteristiche geometriche degli eventuali serbatoi di stoccaggio;
  • la tipologia del luogo, ripiano, cassetto o armadietto dove verranno depositati e custoditi gli alcoli nelle loro confezioni originali integre;
  • il locale o i locali dove verrà impiegato il prodotto e dove potranno quindi trovarsi le confezioni già aperte.

La denuncia, indirizzata all’ufficio delle dogane, deve contenere:

  1. le generalità complete del dichiarante (denominazione sociale, codice fiscale, partita IVA, sede e rappresentante);
  2. indirizzo del sito ove si intende impiegare il prodotto;
  3. il numero dei recipienti, relativa capacità e quantità massima complessiva che in qualsiasi momento potrà essere ivi rinvenuta (stimando quindi in eccesso);
  4. le generalità (complete di codice fiscale e partita IVA) dei fornitori degli alcoli (ai quali andrà inviata copia della medesima denuncia dopo che sarà restituita allibrata dall’ufficio);
  5. una sintetica relazione sugli scopi e le modalità di impiego del prodotto, gli eventuali processi di lavorazione, le qualità e quantità annue dei prodotti ottenuti dalle lavorazioni;
  6. il massimo quantitativo di alcole che si prevede di utilizzare in un anno (stimando quindi in eccesso).

Gli eventuali serbatoi che verranno usati per lo stoccaggio degli alcoli dovranno essere dotati di tabelle di ragguaglio altezza /volume, firmate e in duplice copia.

Tutti i documenti, compresi gli schemi planimetrici, debbono essere sottoscritti dal legale rappresentante o da un suo delegato o procuratore (allegare copia della delega o procura), con allegata fotocopia del documento d’identità dei firmatari, e non possono essere qui trasmessi per posta elettronica.

IL REGISTRO

Non sono obbligati alla tenuta del registro, i laboratori di analisi e di ricerca che utilizzano gli alcoli metilico, propilico e isopropilico, quali reagenti, confezionati in recipienti sigillati di capacità non superiore a 2,5 litri.

Insieme alla denuncia, gli altri utilizzatori dovranno presentare, per la vidimazione dell’ufficio delle dogane, un apposito registro di carico e scarico nel quale andranno annotate, giornalmente e per ciascun prodotto (metilico, propilico o isopropilico), nella parte del carico, le quantità pervenute con l’indicazione degli estremi della speciale bolletta di accompagnamento ex art. 6 DM 01/8/1986, del mittente e del suo indirizzo e, nella parte dello scarico, le quantità degli alcoli impiegati e dei prodotti ottenuti.

E’ opportuno accompagnare il registro da vidimare con una lettera di richiesta.

Alla fine di ogni mese, occorre annotare la giacenza dei singoli prodotti risultante tra il carico e lo scarico ed, entro il giorno 15 di ogni mese, deve essere trasmesso all’ufficio copia delle pagine del predetto registro contenenti le eventuali scritture effettuate nel mese precedente e, comunque, la giacenza mensile riportata a nuovo mese, anche in assenza di carico e/o di scarico nel mese.

Ti potrebbe interessare anche:

8 gennaio 2010    In laboratorio con gli alcoli

Share

Annunci

6 thoughts on “Impiegare gli alcoli metilico, propilico ed isopropilico

  1. Ti ringrazio tantissimo, è citato ovunque ma il testo integrale pare introvabile in rete. L’ho cercato per giorni!
    Ti devo quanto meno un aperitivo… Alcolico ovviamente! 😉

    Mi piace

  2. Buongiorno, a seguito di una verifica dell’Agenzia delle Dogane all’azienda dove lavoro è stata contestata la mancata tenuta del registro di carico/scarico dell’alcool isopropilico in soluzione con altri prodotti al 70% destinato alla pulizia dei macchinari. Il registro viene correttamente tenuto per quanto riguarda l’acool isopropilico puro. A Suo parere occorre tenere il registro anche per i prodotti in soluzione?
    Inoltre è stato rilevato l’obbligo di registrare anche la movimentazione dell’alcool metilico sebbene detenuto a soli scopi di laboratorio e confezionato in recipienti di capacità inferiore a 2,5 litri, testualmente “in quanto detentrice di apposito registro”. Leggendo la normativa mi sembra una forzatura affermare che si è tenuti alla tenuta del registro per un prodotto per il quale esiste l’esenzione solo perchè si detiene il registro. Le sarei grata di un parere. Cordiali saluti.

    Mi piace

    • Gentile Sig.ra Alessandra,
      ritengo che la fattispecie da lei prospettata non integri i presupposti applicativi dell’esimente prevista dall’art. 22, comma 1, lettera c) DM 153/2001.
      In altre parole, l’uso non esclusivo dell’alcole isopropilico nelle analisi di laboratorio non permette di applicare l’esenzione dall’obbligo di tenuta e, se registro dev’esserci, registro sia.
      Grazie per il commento
      Paolo Silvestro D’Antone – Reggio Emilia

      Mi piace

  3. Gentili,
    dovendo allestire un laboratorio di ricerca all’interno di un’industria manifatturiera, dovrei acquistare alcol metilico ed etilico come solventi.
    Ne userò in piccole quantità, stoccandone max 2.5LT.
    Sembra chiaro che non dovrò tenere il registro di carico e scarico, ma non capisco se và fatta la denuncia di impiago all’UTF.
    Saluti

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...